ATTENZIONE! QUESTO NON È UN

LABORATORIO DI TEATRO

Un percorso pensato per gli studenti universitari, per incontrare le loro esigenze e la loro curiosità. Il linguaggio del teatro come strumento per conoscere se stessi e l’Altro da sé, attraverso l’azione, il pensiero, l’esperienza, il gioco, la cura. 

Il laboratorio, tenuto da Michele Pagliaroni (attore, regista e formatore), ospiterà anche una serie di workshop di approfondimento curati da giovani artisti della scena teatrale nazionale.

Atto conclusivo sarà La notte dei cento spettacoli: un trait d’union ideale con il festival Urbino Teatro Urbano in cui gli allievi del laboratorio invaderanno gli spazi della città con le loro creazioni performative.

60 ore – dal 27 ottobre 2021 all’1 giugno 2022

Tutti i mercoledì, due turni: 19:00 – 21:00 oppure 21:30 – 23:30

Teatro del collegio universitario “La Vela” – via cappuccini, 1 > MAPPA

● Il laboratorio è GRATUITO per tutti gli studenti UNIURB, ISIA U.

Ai frequentanti potranno essere riconosciuti CFU.

INFO E ISCRIZIONI ➜ ctu.cesarequesta@uniurb.itWhatsApp 339 410 6017

1 | 8 | 15 dicembre 2021

GIULIA BOCCIERO E DAVIDE SIMONETTI

NOUVELLE PLAGUE

Esserci o non esserci: workshop sul corpo presente/assente

Il lavoro dell’attore consiste nell’imparare a gestire una sincerità
Jean Louis Barrault

Gli incontri del laboratorio avranno come tema principale l’intensità del corpo, statico e in movimento. Alla base di questa esperienza ci sono una serie di domande: 

Come sta il nostro corpo?
Che cosa comunica?
Come ci relazioniamo con lo spazio?
Che effetto ci fa lo sguardo dell’altro (o dell’altra o degli altri o delle altre)?
Quanta energia mettiamo o potremmo mettere nelle nostre azioni?
Quando un’azione diventa teatrale?

Giochi, esercizi e simulazioni suggeriranno una serie di possibili risposte per scoprire insieme il piacere e la fatica della presenza, il mistero e l’incoscienza dell’assenza.

I conduttori utilizzeranno varie tecniche teatrali provenienti dal teatro fisico lecoquiano con elementi di teatro-danza e yoga.

19 | 26 gennaio 2022

LUCIA MAURI

COMPAGNIA LA LUCINA

Quanto è importante conoscere il proprio corpo?
Come sfruttare il movimento per una più completa padronanza di sé?

Partendo da semplici pratiche di attivazione corporea, lavoreremo sulla stabilità, la postura e l’interazione nello spazio (come creazione di pieni e vuoti determinati dal movimento).
Vorrei che ogni partecipante fosse libero di declinare nella propria personale qualità di movimento i task forniti, preferendo la ricerca di una sensazione piuttosto che una forma estetica.

Parleremo di traiettorie, cambi di direzione, ritmica, velocità, piani di movimento e sguardo. Questi elementi saranno utilizzati per riuscire ad esplorare le possibilità del corpo e in un secondo momento, saranno messi in interazione con il resto del gruppo.

9 | 16 | 23 febbraio 2022

GIACOMO LILLIÙ

MALTE | COLLETTIVO ONAR | PALLAKSCH

L’improvvisazione precipita l’attore al centro del gioco teatrale, nell’occhio del ciclone: senza copioni e senza prove precedenti, lo chiama a tessere sul momento la sua performance, quella dei suoi compagni di scena, a scrivere sull’acqua una drammaturgia estemporanea, a navigare in una regia di cui è contemporaneamente autore ed esecutore. L’ascolto diventa estremo, la creatività esplode.

In questi tre incontri ci concentreremo sui fondamenti dell’improvvisazione, riscoprendo con un approccio pratico concetti come l’ascolto, il dire di sì, l’energia, l’originalità, rinsaldando un gruppo in cui potersi esprimere in piena libertà. 

Attraverso l’improvvisazione, ogni partecipante sarà così invitato a confrontarsi con una consapevolezza teatrale a 360°, ricavandone un bagaglio di esperienze da cui poter attingere in tutti i propri progetti futuri.